25Gennaio

RIPETUTI FALLIMENTI DI IMPIANTO EMBRIONARIO

La diagnosi preimpianto ci viene in aiuto

RIPETUTI FALLIMENTI DI IMPIANTO EMBRIONARIO

I ripetuti fallimenti di impianto embrionario, comportano per molte coppie uno stato di frustrazione e di impotenza, che determina in loro sconforto, ansia e talora depressione.

Per non dimenticare gli sforzi economici che spesso le coppie debbono affrontare.

A noi clinici i pazienti ci chiedono delle possibili soluzioni, per cercare di ottenere il desiderato successo.

La diagnosi preimpianto degli embrioni può certamente rappresentare un mezzo che può aiutare ad aumentre le chanches di gravidanza.

 

La maggiore applicazione oggi della biopsia embrionaria preimpianto è rappresentata dalla PGS, screening delle anomalie cromosomiche per migliorare i tassi di successo delle coppie infertili e l'efficienza del trattamento di fecondazione in vitro in generale.

E' ben noto che con l'avanzare dell'età riproduttiva della donna aumentano le anomalie cromosomiche negli embrioni in modo esponenziale.

Quindi la finalità della diagnosi preimpianto è diminuire il tasso di aborto che in pazienti di 39 anni si attesta intorno al 40% e si riduce al 7-8% con uno screening preimpianto.

Minimizzare l'incidenza di S.di Down,trisomia 13 e 18.

Una paziente di 39 anni mediamente produce il 60% di blastocisti aneuploidi ( con anomalie cromosomiche) e il 35% dei cicli di PMA intrapresi a questa età non presentano alcun embrione normale cromosomicamente.

La diagnosi preimpianto quindi può evitare una inutile attesa del test di gravidanza e può incrementare il tasso di gravidanza a termine per trasferimento embrionale fino al 50% trasferendo una blastocisti sana.

Avendo quindi una probabilità più alta di attecchimento, si riduce la necessità di transfer di più embrioni, minimizzando quindi il rischio di gravidanza plurima, con tutti i rischi che questo comporta per la gestante ed il feto.

Un altro aspetto importante è che si riduce il tempo prezioso che una coppia investe per raggiungere una gravidanza a termine, evitando spesso  plurimi e inutili transfer di embrioni successivi,diminuendo anche i costi di trattamenti che risulterebbero infruttuosi.

Il trattamento prevede, una volta prelevati gli ovociti dopo stimolazione ovarica, la loro inseminazione con gli spermatozoi ed ottenute le blastocisti, si procede al prelievo di cellule del trofectoderma blastocitario in 5^-7^ giornata ed alla loro analisi genetica.

Nell'attesa di ricevere i risultati dell'analisi genetica, si procede al congelamento delle blastocisti, che non verranno trasferite nel ciclo in corso, ma in un ciclo successivo, una volta ottenuta l'analisi genetica di screening.

La mia attuale collaborazione con il Centro PMA ARCSter di Mestre, mi consente di poter offrire alle coppie che a me si affidano per essere seguite nel loro percorso di PMA, anche la diagnosi preimpianto mediante biopsia della blastocisti,aumentando in tal maniera le loro chanches di gravidanza.

Il nostro studio rimane a vostra disposizione per fornire tutte le informazioni necessarie alle coppie che si vorranno rivolgere a noi.

 

Posted in Abano-Fecondazione News

Il Consiglio del Medico

Domande? Dubbi? Il Dr. Nalon è a disposizione per rispondere alle vostre domande su sterilità, procreazione assistita e gravidanza.

Vai al Form

Domande e Risposte, leggi una selezione di risposte alle domande di altri utenti.

Vai alle domande frequenti